29 May 2020

La risorsa idrica rappresenta un elemento di cruciale importanza per il settore della carta. L’intero comparto da tempo si è mostrato estremamente sensibile alle problematiche legate alla sostenibilità e alla circolarità delle proprie attività, così come voluto dal programma Green New Deal. Lo sa bene Cannon Artes

di Massimiliano Luce

Nata nel 1977, Artes Ingegneria S.p.A. (nome commerciale Cannon Artes) è specializzata nella progettazione e nella realizzazione di impianti di trattamento delle acque primarie e delle acque reflue. I sistemi sono progettati dal team di ingegneri di Cannon Artes sul proprio know how e sulle tecnologie proprietarie. L’intero processo produttivo, dal taglio delle lamiere alla costruzione degli skid, dal collaudo alla spedizione dell’intero impianto, avviene all’interno dell’officina di Oliveto Citra, in provincia di Salerno, che conta una superficie di oltre 40.000 metri quadrati. Cannon Artes è in gradp di fornire soluzioni “chiavi in mano” prendendo in carico tutte le attività di montaggio in sito, collaudo ed avviamento. Il suo punto forte è la capacità di realizzare impianti tailor made progettando soluzioni adatte alle specifiche esigenze del cliente, con l’obiettivo di trovare il giusto equilibrio economico tra i costi operativi e i costi d’impianto.

Cannon Artes oggi si presenta come un player internazionale: la fetta principale del suo fatturato è generato dalla vendita di impianti all’estero. L’azienda opera globalmente, ispirata dalla vision del Gruppo Cannon, multinazione con sedi in tutto il mondo, di cui Artes fa parte del 1989. L’azienda, oltre che nell’industria della carta, opera anche in mercati quali, ad esempio, quello del petrolchimico, del chimico, del farmaceutico e dell’alimentare.

Il trattamento dell’acqua, infatti, è un’esigenza trasversale a tutti i settori: in alcuni casi, le soluzioni richieste possono essere comuni, in altri più specifiche come, ad esempio, gli impianti di trattamento degli effluenti derivanti da tutti i processi produttivi. Conoscere le specificità dei settori e, in particolare, del comparto dell’industria della carta è determinante per affrontare le questioni che riguardano il trattamento e il riutilizzo delle acque di scarico. Il settore della carta spicca, inoltre, tra gli altri per via della propensione al riutilizzo della risorsa idrica.

In riferimento alla conoscenza delle specifiche esigenze in fatto di trattamento delle acque di scarico, Artes ha ulteriormente ampliato le proprie competenze secondo i diversi “sub-settori” dell’industria della carta, allineandosi perfettamente alle richieste provenienti dalle aziende del tissue o dalle aziende che lavoranocarta da macero.

Cannon Artes Oliveto

Soluzioni per il trattamento delle acque di processo

Negli anni Cannon Artes ha acquisito competenze a 360° nel trattamento delle acque. Infatti, nella società è confluito anche il know-how della consociata Cannon Bono Energia, realtà nata nel 1958 per la progettazione e per la produzione di generatori di vapore e con al suo interno una sezione dedicata al trattamento delle acque per l’alimento caldaie.

Artes vanta una conoscenza pluridecennale nel trattamento delle acque primarie. Tale know-how risulta importante poiché il trattamento delle acque che alimentano gli impianti dell’industria, compresa quella cartaria, richiede soluzioni specifiche: si parte dalla filtrazione per le acque di pozzo, fino al trattamento con tecnologia a membrana per le acque di superficie. Inoltre, a seconda dell’utilizzo dell’acqua all’interno di un determinato contesto produttivo, possono essere necessari ulteriori trattamenti. Per alimentare i generatori di vapore, per esempio, si può ricorrere alla tecnologia a membrana (osmosi inversa ed elettrodeionizzazione) oppure ad impianti di demineralizzazione a resine.

Un altro prodotto di punta nel trattamento delle acque di alimento caldaia è costituito dai degasatori: si tratta di sistemi utilizzati per rimuovere l’anidride carbonica e l’ossigeno disciolti nelle acque di alimento. Attualmente Cannon Artes può fornire due diverse tipologie di package: i Degasatori Zerogas Spray &Tray e i Degasatori Zerogas Spray Smart. I primi sono costituiti da torre e polmone: l’azienda ha sviluppato un proprio know how per la realizzazione dei corpi di riempimento della torre, che garantisce l’intimo contatto tra acque e vapore, favorendo l’eliminazione dei gas. Nei Degasatori ZeroGas Spray Smart, il contatto tra vapore e acqua avviene all’interno di una sezione dedicata posizionata all’interno del polmone orizzontale. Più leggero e compatto, quest’ultimo rappresenta una soluzione ideale per i revamping delle centrali termiche esistenti.

Impianto trattamento reflui Cannon Artes

La nuova sfida del riutilizzo e del trattamento dei reflui

Oggi l’attività di Cannon Artes si focalizza principalmente sulla depurazione delle acque reflue mediante la fornitura di impianti di tipo biologico. Da qui si salda il suo legame con l’industria cartaria, molto sensibile al tema del riutilizzo delle acqua a causa dell’uso intensivo di tale risorsa e per l’attenzione rivolta all’impatto ambientale delle attività.

All’interno di tale orizzonte, Cannon Artes offre diverse tipologie di soluzioni per il trattamento delle acque di scarico, per consentirne il riutilizzo all’interno del processo produttivo. L’individuazione della scelta migliore per il cliente si fonda sull’analisi di alcuni aspetti: le caratteristiche dell’acqua che affluisce all’impianto, la qualità del refluo che si vuole ottenere alla fine del processo ai fini del riutilizzo dell’acqua e i vincoli normativi da rispettare per lo scarico.

Cannon Artes propone impianti biologici come soluzione ideale per il trattamento dei reflui: gli inquinanti presenti all’interno dell’acqua reflua sono rimossi da particolari ceppi batterici che li utilizzano come alimento. Il processo avviene in presenza di ossigeno (aerobico) in vasche opportunamente progettate. Le tecnologie sono varie: si passa dagli impianti biologici ad aerazione estesa (soluzioni ormai consolidate) agli impianti MBBR, eventualmente integrati da trattamenti terziari, fino ai più innovativi e compatti impianti biologici con MBR, i più performanti in termini di qualità del refluo prodotto. Artes, inoltre, è anche in grado di fornire impianti di trattamento reflui con tecnologia anaerobica: si tratti di impianti che rimuovono le sostanze organiche contenute nei reflui producendo biogas, grazie all’azione di particolari batteri che vivono in assenza di ossigeno.

Il riutilizzo delle acque è un pilastro della circolarità dell’industria cartaria. Tale concetto da Cannon Artes viene messo in pratica attraverso un ventaglio di tecnologie innovative. L’azienda è, perciò, pronta ad accompagnare l’industria della carta nel nuovo scenario sostenibile, disegnato, dalla Commissione europea con il Green New Deal lanciato a dicembre 2019, per rendere l’Europa il primo continente a impatto zero sul clima ed anche dall’industria della carta, con un decalogo che vede il coinvolgimento di tutte le imprese, grandi, medie e piccole. Tutte, senza distinzioni, possono trovare in Cannon Artes un valido partner.

Degasatore termofisico Zero Gas Cannon Artes

Questo articolo è tratto da Industria della Carta – Ediz. Maggio 2020. Leggilo qui.