Tu sei qui:

Una delle principali aziende farmaceutiche italiane

La sede italiana di una nota multinazionale svizzera del settore farmaceutico, leader nell’area della salute con farmaci innovativi, è oggi una delle principali aziende farmaceutiche operanti in Italia. Lo stabilimento si propone anche come un importante hub per l’innovazione, polo d’attrazione e punto di riferimento per imprese e start up ad alta intensità di ricerca scientifico-tecnologica.

La sfida

Nel quadro dell’ammodernamento degli impianti di depurazione, l’azienda ha dovuto affrontare l’esigenza di adeguarsi ai parametri di scarico previsti dalle normative ambientali vigenti, allo scopo di tutelare l’ambiente e garantire la sicurezza pubblica e la qualità della vita.

Il progetto

Il nostro team tecnico ha sviluppato un intervento focalizzato al trattamento dei flussi di acque di scarico più carichi e gravosi. L’obiettivo primario di questa strategia è stato di ridurre le concentrazioni degli inquinanti ed alleviare la pressione sugli impianti di depurazione a valle.
La riduzione dei carichi organici in arrivo ai trattamenti successivi, consente di operare in condizioni ottimali, massimizzando le performance in termini di abbattimenti e di costi operativi.
Questa azione ha consentito di ottimizzare in modo significativo le prestazioni complessive dell’intero sistema di trattamento delle acque.

Il nostro team ha concepito soluzioni ingegneristiche innovative, personalizzate per soddisfare le particolari esigenze dell’impianto. Ogni componente è stato progettato strategicamente per massimizzare l’efficienza e garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati. L’intero impianto è stato consegnato al cliente come una soluzione chiavi in mano, offrendo non solo il sistema di trattamento degli effluenti, ma anche l’esperienza completa necessaria per l’installazione e l’avviamento. Questo approccio ha semplificato notevolmente il processo per il cliente, agevolando una transizione fluida dalla fase di acquisizione all’operatività dell’impianto.

La soluzione fornita

L’impianto, progettato per trattare una portata di 360 m3/h con un carico organico di 2500 ppm di COD, comprende tre sezioni:

  • la prima coinvolge il contatto tra carbone attivo in polvere e refluo
  • la seconda è costituita da un sedimentatore a pacchi lamellari, che separa l’effluente chiarificato dalla parte solida (carbone attivo e materiale adeso)
  • la terza comprende un sistema per la disidratazione dei fanghi

In conformità alle richieste del committente e agli standard dell’industria farmaceutica, tutte le unità (vasche, piping, ecc.) sono realizzate in acciaio inox. L’impianto è gestito da un PLC dedicato.